articolo

JPMorgan prevede che l'hash rate di Bitcoin diminuirà del 20% dopo l'halving

1' di lettura
8

In un recente studio, JPMorgan ha previsto che l'hash rate di Bitcoin (BTC) scenderà del 20% dopo il suo halving che avverrà nell’aprile del 2024.

In un recente studio, JPMorgan ha previsto che l'hash rate di Bitcoin (BTC) scenderà del 20% dopo il suo halving che avverrà nell’aprile del 2024.

La banca stima che verranno rimossi dalla rete BTC fino a 80 EH/s e il motivo della previsione sarebbe da riscontrare nella dismissione di macchine vecchie e meno efficienti. Inoltre, secondo il rapporto, il settore miners di Bitcoin si trova in un momento cruciale.

JPMorgan afferma inoltre che l'opportunità di ricompensa in blocco quadriennale di Bitcoin (BTC) ammonta a circa 20 miliardi di dollari, registrando una riduzione di circa il 72% negli ultimi due anni. Nel suo rapporto, JPMorgan elenca una serie di società che si occupano dell’estrazione di BTC, indicando CleanSpark tra le preferite.

JPMorgan si esprime sull’ETF spot di Bitcoin

Secondo il rapporto della banca, l'approvazione di un ETF (Exchange-Traded Fund) spot su BTC potrebbe essere il catalizzatore di un nuovo rally, a fronte di un calo degli hash rate e dei premi. La banca, inoltre, non si è pronunciata sulla questione che la SEC approverà o meno le richieste di ETF spot su Bitcoin.

La SEC, infatti, ha deciso di rinviare le sue decisioni in merito a questi strumenti e molti si aspettano che verrà presa una scelta nel 2024. Le motivazioni sono varie: è possibile che la parziale sconfitta nella causa Ripple abbia portato la SEC a rivalutare la propria strategia oppure che al momento non si senta abbastanza competente nel prendere una decisione sugli ETF spot.



Questo è un articolo pubblicato il 13-10-2023 alle 11:48 sul giornale del 13 ottobre 2023 - 8 letture



qrcode